Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Vigilia con “Una poltrona per due”: dentro i segreti del classico di Natale

Non c’è vigilia di Natale senza “Una poltrona per due”. E infatti anche quest’anno, puntuale, su Italia Uno va in onda in prima serata la commedia di John Landis con Dan Aykroyd, Eddie Murphy e Jamie Lee Curtis. Una tradizione ormai ventennale, dal momento che si ripete puntuale dal 1997.
Qualcuno lo ha definito il miglior film su Wall Street mai realizzato, altri lo ritengono il miglior film natalizio di sempre.

C_2_articolo_3113704_upiFoto1F

Un classico di Natale suo malgrado. Perché il film uscì negli Stati Uniti nel giugno del 1983, arrivando poi nelle sale italiane a gennaio del 1984. Ma l’ambientazione della storia, che si svolge appunto nei giorni di Natale, ha fatto sì che si tramutasse nella perfetta commedia con cui passare la vigilia. Tra buoni sentimenti ma anche un pizzico di feroce cinismo e qualche tocco sexy come tradizione nei film di John Landis.
Un cast pressoché perfetto diretto da un regista all’epoca in stato di grazia, reduce da altri due classici come “The Blues Brothers” e “Un lupo mannaro americano a Londra”. Il film ottenne due nomination ai Golden Globe e una agli Oscar. Quest’ultima per la colonna sonora firmata dal maestro Elmer Bernstein. Alcuni personaggi sarebbero tornati in opere successive di Landis, come in una sequenza de “Il principe cerca moglie” con Eddie Murphy, dove compaiono i fratelli Duke (Don Ameche e Ralph Bellamy). Una tradizione per il regista che anche in “Una poltrona per due” mette riferimenti a “Blues Brothers”.
E per capire l’influenza avuta sulla cultura americana, basti pensare che nel 2010, quando negli Stati Uniti entrarono in vigore delle direttive contro l’insider trading nei mercati finanziari, l’insieme di queste norme venne ribattezzato “Eddie Murphy Rule”…

Vigilia con “Una poltrona per due”: dentro i segreti del classico di Nataleultima modifica: 2017-12-23T17:19:37+00:00da giorgio6614
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment