Loading...
Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Meghan Markle e Harry, villa a Ibiza da «118.000 euro a settimana»: media britannici all’attacco

4694678_1440_meghanmarkle_harry_villaibizaAncora una volta Meghan Markle finisce nell’occhio del ciclone. Ora sotto i riflettore c’è la vacanza sua del piccolo Archie e del principe Harry a Ibiza. Secondo il Mail on Sunday, però, la famiglia sarebbe stata per sei giorni in un’esclusiva villa faraonica con sette camere da letto, piscina, palestra e jacuzzi con tanto di vista mozzafiato sul mare, che nel periodo estivo si può affittare per circa 118.000 euro a settimana. E ovviamente, i media britannici si sono scatenati, mettendo soprattuto la “povera” Meghan Markle sotto pressione.

Ovviamente non una novità. I media britannici oramai sono spesso all’attacco del principe Harry e della sua consorte Meghan Markle: questa volta per una vacanza da nababbi in una villa da sogno a Ibiza che si sarebbero concessi per festeggiare il 38mo compleanno della duchessa del Sussex. È il Mail on Sunday a sferrare oggi la nuova bordata dopo le polemiche dei giorni scorsi sull’uso disinvolto di jet privati della coppia reale nonostante la loro dichiarata fede ambientalista.

Meghan Markle e il principe Harry sono arrivati a bordo di un jet privato, e anche per questo viaggio era già stata criticata – ricorda il giornale – e secondo una fonte locale aveva al seguito anche lo chef nonostante l’affitto della villa includa anche il personale. Si tratterebbe della villa Sa Calma, di cui il Mail on Sunday pubblica numerose foto, che si trova nell’esclusivo complesso immobiliare di Vista Alegre, vicino al pittoresco villaggio di Es Cubells, sulla costa sudoccidentale dell’isola. Un’abitazione che in passato ha ospitato anche Paul McCartney. Buckingham Palace, conclude il giornale, non ha voluto rilasciare commenti.

Meghan Markle e Harry, villa a Ibiza da «118.000 euro a settimana»: media britannici all’attaccoultima modifica: 2019-08-25T23:28:07+02:00da giorgio6614
Reposta per primo quest’articolo
Loading...

Add a Comment